Home ] Sommario ] Contatti ]

________9________

Non Sine Lumine. Lux Me Regit

La Porta

 

_______________________________________________________________________________________

 

Home Su La Porta Le Stagioni Piccole Palazzine Il Microcosmo Il Macrocosmo Il Viaggio in Treno inCastri

 

Quella porta, quella luminosa, si quella.

Lasciala sempre aperta.

Di notte, al buio, quando sei solo,

potrai guardarti alla specchio riconoscendo i tuoi occhi per rimanere ciò che sei.

Sarai consapevole dei tuoi cambiamenti, delle rughe che incavano la pelle,

del grigiore dei tuoi capelli.

Lascia uscire la luce, nel contempo volteggia in essa.

Illuminerai la luna, la baratterai col calore del sole,

potrai scrivere lettere al vento ed essere dove non potrai mai arrivare,

quando vorrai, schiarirai il più profondo dei mari mettendo in risalto i tuoi colori.

Ti permetterà di amare e di intuire i dolori,

di vedere dove gli occhi non arrivano e di scrutare i cuori.

Evita lucchetti, lacci e catene,

lascia aperta quella porta di luce

come sangue che scorre nelle vene.

Luce infinita, immenso nutrimento,

polline da succhiare, clorofilla nel tempo.

Toccala, mangiala, ascoltala, annusala,

guardala inforcando occhiali scuri,

chiudi gli occhi e fatti vestire, copriti,

utilizza i suoi petali ed emana il suo profumo.

Lascia sempre aperta la porta della luce,

non farla oscurare da nessuno.

 

©2006 by RIVISTA di EQUIPéCO - CARMINE MARIO MULIERE EDITORE

 
 

 

 

 

 

 

 

 

_______________Home ] Pensieri ]______________________________

Copyright © 2020 – Tutti i diritti riservati. Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono tutelati dalle norme sul diritto d’autore. E’ Vietata la pubblicazione senza l’esplicito consenso dell’autore che, pertanto, mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica della produzione in ogni forma e modo, originale e derivato.